Palmanova | Cosa Visitare e Cosa Vedere | Borghi del Friuli-Venezia Giulia
Booking.com
PALMANOVA

Guida alla visita a Palmanova, Friuli-Venezia Giulia | Informazioni utili per il tuo viaggio


Il Friuli-Venezia Giulia presenta centri d’arte e zone archeologiche notevoli, ma Palmanova è una vera unicità in quanto è una città di fondazione cinquecentesca realizzata a forma di stella. Costruita in base al concetto di “città ideale” rinascimentale secondo il quale il disegno urbanistico doveva rispondere a criteri di razionalità, funzionalità e sensibilità estetica, Palmanova si distingue dalle cittadine della stessa categoria poiché la sua geometria è davvero perfetta: una stella a nove punte dai cui angoli sei strade principali convergono in una piazza esagonale dal cui centro il turista potrebbe avere l’illusione di visitare una grandiosa scenografia teatrale.

Per via della struttura di Palmanova e del forte legame che essa ha con la numerologia, molti hanno supposto che il suo disegno rispondesse a chiari messaggi esoterici; in realtà possiamo solo comprendere quanto fosse avanguardistico il concetto di città ideale che unisce in modo così armonioso estetica e funzionalità. La funzionalità fu anche il motivo che spinse la Repubblica di Venezia a commissionare la sua fondazione: una grande fortezza a scopo difensivo contro l’imperversare delle armate turche che minacciavano la Serenissima, che potesse contenere e proteggere abitanti e soldati durante un assalto. Negli anni precedenti gli Ottomani avevano assaltato e distrutto una cittadina nei pressi di Treviso, e il confine orientale della Repubblica veneziana era debole; gli abitati qui situati mal assolvevano la funzione di protettrici del territorio poiché inadeguati. Il perimetro di Palmanova è costituito quindi da circa sette chilometri di fortezza, dove il turista può accingersi in un lungo percorso di trekking urbano e dove il suo sguardo può spaziare verso lavisitare palmanova grande pianura. Quello che in principio fu il borgo di Palmata, trasformato in Palma la Nuova, si trova, infatti, in un vasto territorio pianeggiante con una densità abitativa molto bassa e dedicato essenzialmente all’agricoltura; non lontano si estendono la Laguna di Grado (dal nome della graziosa cittadina medievale),

Udine e Gorizia; un’altra località famosa nelle immediate vicinanze è l’antica città di Aquileia, alla quale Palmanova è collegata da una strada che sembra essere tirata con una squadra in quanto diparte direttamente da una delle tre porte urbiche, mentre le altre due, Porta Udine e Porta Cividale, si rivolgono alle rispettive città da cui prendono il nome. Un fatto curioso è che la città-fortezza di Palmanova ha un vero e proprio compleanno, in quanto la Repubblica di Venezia scelse come giorno della sua fondazione il 7 ottobre del 1593, data simbolica poiché lo stesso giorno del 1571, con la Battaglia di Lepanto, venne sconfitta l’avanzata dei Turchi: ma la precauzione della ricca capitale veneta non era mai abbastanza, quindi fu posta la prima pietra del progetto di Giulio Savorgnan e Marcantonio Martinengo. Tra gli architetti che parteciparono alla progettazione di Palmanova figura lo Scamozzi, il quale dietro commissione dei Gonzaga realizzò un’altra città ideale con funzionalità militari, ossia Sabbioneta in provincia di Mantova. Il 7 ottobre ricorre anche Santa Giustina, martire romana, che divenne la patrona della città. Oggi in occasione dei festeggiamenti in onore della Santa viene svolta una vera e propria fiera enogastronomica. Una visita turistica a Palmanova è insomma d’obbligo e può benissimo essere inserita in un vero e proprio tour turistico-chiesa palmanovaculturale che tocca le bellezze a lei limitrofe come le già citate Cividale, Udine, Grado e Aquileia. Oltre al lungo e rilassante giro lungo la fortezza che, come spiegato, cinge la città per diversi chilometri con i suoi fossati, baluardi, rivellini, cortine concepiti in base alla potenza delle armi da fuoco dell’epoca, è indubbiamente da vedere la Piazza Grande, nel centro della quale di erge uno stendardo con basamento in pietra d’Istria: qui si affacciano i principali edifici della città, come il Duomo, risalente al diciassettesimo secolo, che rappresenta il miglior esempio d’architettura veneziana in Friuli; visitare inoltre il Civico Museo Storico è essenziale per avere un quadro chiaro e completo (dalla fondazione alla seconda Guerra Mondiale) della storia di Palmanova. Il Museo Storico Militare, infine, che ha sede presso Porta Cividale, offre il miglior modo per comprendere la storia, l’architettura e il genio costruttivo della città ideale friulana, attraverso un itinerario che tocca documenti, uniformi e cimeli militari dal Rinascimento al ‘900.
Oltre a motivi culturali, non mancano eventi e manifestazioni che posso offrirsi quali occasioni speciali per visitare Palmanova, come ad esempio l’allestimento nella Piazza Grande del più grande Mercatino di Natale del Friuli, o la già citata Festa di Santa Giustina, nonché la Festa del Redentore, una grande e suggestiva rievocazione storica con sfilata di figuranti che si svolge a luglio.



Appunti di Viaggio e Informazioni Turistiche

Comune di Palmanova
E-mail: sindaco@comune.palmanova.ud.it
Sito Web: www.comune.palmanova.ud.it


Ufficio Turistico di Palmanova

Borgo Udine, 4
33057 Palmanova (Ud)
Tel./Fax +39 0432.92.48.15     
E-mail: palmanova.turismo@libero.it




Mappa




Voci Correlate

Scopri gli altri Borghi più Belli d'Italia
Visita i Borghi più belli del Friuli-Venezia Giulia
Visita i Castelli in Italia
Alla Scoperta dei Siti Archeologici
Parchi Nazionali e Naturali
Feste Medievali e Rivecocazioni Storiche
Sagre in Italia

Palmanova | Cosa visitare e cosa vedere | I Borghi del Friuli-Venezia Giulia

Una vacanza o un weekend nei luoghi piu' belli d'italia

UNA VACANZA O UN WEEKEND
NEI LUOGHI PIU' BELLI D'ITALIA


Hotel
Bed and Breakfast
Appartamenti
Ville
Resort
Affittacamere







Visita le Città d'Arte
Roma
Firenze
Venezia
Bologna
Mantova
Ferrara
Lecce
Pisa
Trieste
Siena
Genova
Napoli
Pavia
Palermo
Perugia
Arezzo